fbpx

Lavorare come fotografo freelance | Pro e contro

Lavorare come fotografo freelance porta sicuramente a grandissime soddisfazioni e ci sono molti punti favorevoli in questo approccio al lavoro nel campo della fotografia. Ci sono però anche diversi punti sfavorevoli che magari chi si avvicina per la prima volta a questo mondo potrebbe non aver considerato.

Noi svolgiamo la professione di fotoreporter a Roma nel settore nuziale e ci occupiamo anche di video di matrimonio.  Inoltre il nostro background nella fotografia parte dalla moda, dalle aziende e dalla fotografia di scena sui set cinematografici. Conosciamo quindi bene la professione e possiamo darti un punto di vista che magari ti sarà utile sul lavorare come fotografo freelance.

Perciò sei pronto per conoscere un po’ di punti favorevoli e un po’ di punti sfavorevoli su questo mondo? Ottimo, allora partiamo!

Cosa vuol dire lavorare come fotografo freelance

Innanzitutto c’è da capire cosa vuol dire lavorare come fotografo freelance. Un professionista che opera in questo modo non ha un solo cliente fisso e non è stipendiato. Questo vuol dire che ha l’opportunità di lavorare con molte realtà ed aziende e anche di mettere le mani su molti generi fotografici se vuole.

Può ad esempio lavorare come fotografo all’estero, in un determinato settore come per noi è quello del matrimonio, può spaziare gli ambiti di interessa. Insomma, ha davanti a sé una strada abbastanza libera da poter seguire e dovrà scrivere la sua storia giorno dopo giorno.

Ecco quindi cosa vuol dire lavorare come fotografo freelance. Ma se poi andassimo a sviscerare i pro e i contro… quali sarebbero?

Vantaggi di lavorare come fotografo freelance

In un lavoro come fare il fotografo freelance uno dei punti a favore è sicuramente la libertà. La libertà di gestire gli impegni, il lavoro, gli orari, la propria vita. Se un cliente ti sta antipatico puoi semplicemente non prendere l’ingaggio. Se un lavoro non ti stimola puoi rifiutarlo. Insomma, a patto che tu onori gli impegni presi e rispetti i contratti, hai la libertà di gestire il lavoro in totale autonomia.

Se poi ti stessi chiedendo come diventare un fotografo freelance, sappi che abbiamo scritto un articolo al riguardo.

Un altro punto molto favorevole è la possibilità di guadagno. Non ci sono limiti, non c’è un tetto massimo! E nessuno ti vieta, se avrai abbastanza lavoro per farlo, di trasformare la tua attività di fotografo freelance in uno studio fotografico e coordinare i vari fotoreporter che lavorano per te. Infatti come diventare un fotografo professionista è soltanto una delle domande che puoi farti. Un’altra è sicuramente è “come puoi diventare un imprenditore nel campo della fotografia“.

Eh si perché per lavorare come fotografo spesso avere buon occhio ed essere artisticamente validi non è sufficiente. Servono una certa attitudine ed alle volte anche una mentalità imprenditoriale.

In ogni caso, un altro punto forte di lavorare come fotografo freelance è che gli ingaggi che prenderai saranno probabilmente molto vari tra di loro e quindi la tua vita sarà stimolante e ricca di emozioni ed avventure. Potrai probabilmente viaggiare, conoscere molti luoghi e culture, entrare in contatto con tante persone.

Se poi la tua paura fosse quella di trovare lavoro come fotografo, abbiamo scritto un articolo al riguardo! Infatti questi sono i principali vantaggi, ma lavorare come freelance ha anche molti aspetti… oscuri!

Gli svantaggi

Lavorare sempre con persone nuove ed in ambienti nuovi è stimolante, ma essere alla ricerca sempre di nuovi clienti può non essere semplice. Se infatti ti chiedessi cosa regalare ad un fotografo freelance… idealmente la risposta sarebbe “una quantità illimitata di ingaggi ben pagati!”.

Infatti un ragazzo quando si chiede come fare per diventare fotografo, deve tener presente che ha comunque sempre due strade: quella del freelance e la possibilità di farsi assumere, magari in una rivista o per una determinata agenzia.

Un altro svantaggio è la concorrenza. Ti sei mai chiesto cosa serve per diventare fotografo? Beh… di certo non è necessario un percorso di studi riconosciuto. Questo rende il campo della fotografia aperto a tutti e quindi molto ma molto concorrenziale. Ci sarà chi è più abile e chi lo è meno ma le offerte sul mercato sono sicuramente tante.

E poi cosa occorre per essere fotografo freelance oltre questo? Tanta pazienza. Ci sono clienti davvero ostici che sono difficili da gestire, ma tu da bravo professionista dovrai comunque riuscire a trovare il modo di prenderli per il verso giusto. Alcuni lavori infatti vanno lisci come l’olio, altri invece sono pieni di intoppi.

Poi c’è l’aspetto del ritardo dei pagamenti. Per un fotografo freelance alle volte può essere complicato prendere il denaro per i suoi lavori perché alcune aziende pagano con molto ritardo, altre fanno problemi, etc… Insomma, da questo punto di vista alle volte è abbastanza una giungla.

L’ultimo aspetto su cui voglio farti ragionare è l’attrezzatura. Ogni tot di anni andrà ricomprata e cambiata ed il costo spesso è molto importante. Questo vuol dire che una parte dei tuoi guadagni dovrai anche dedicarla ad acquistare nuove macchine fotografiche e nuovi obiettivi.  A proposito… sai che puoi far assicurare l’attrezzatura fotografica?

Insomma, ci sono molti pregi ma anche molti difetti nell’essere freelance. Ma per una persona che vuole lavorare nel campo della fotografia, quali sono le alternative?

Le alternative per lavorare nella fotografia

Ci sono delle alternative possibili! O meglio… una sola. Farsi assumere.

Lavorare come fotografo infatti ha una sola biforcazione possibile (come molti altri lavori d’altronde): fare il freelance oppure farsi assumere. Chiaramente svolgere la professione in un caso piuttosto che nell’altro comporta grandi, grandissime differenze.

Infatti se verrai assunto da una realtà o un’azienda sarai effettivamente un dipendente. Potrai quindi svolgere ancora un lavoro nel campo di questa arte, ma perderai tutti i benefici dell’essere un freelance. Potrai però alleggerirti anche di molti pensieri, come dover trovare i clienti oppure dover acquistare l’attrezzatura ogni tot di anni.

Quindi,  noi abbiamo cercato di presentarti un quadro quanto più onesto possibile dei vantaggi e degli svantaggi che si hanno nel lavorare come freelance. Ora la decisione spetta a te!